CasinoStop10 | Le migliori strategie | METODI DI BLUFF

METODI DI BLUFF

Saper bluffare a poker senza scoprirsi potrebbe essere la miglior strategia per vincere. Si tratta, certamente, sempre di un rischio e il gioco deve essere sempre sotto controllo da parte tua. Qualsiasi distrazione potrebbe costarti il capitale. Non ci sono regole precise da seguire, ognuno ha il suo metodo. Diciamo si può parlare di un paio di consigli e trucchi  più conosciuti.

Già in se la terminologia del termine bluff (dall’inglese: ingannare, simulare) indica l’atteggiamento di un giocatore durante una partita o un gioco che lo vede contrapposto ad altri, tendente ad indurre in errore un avversario non facendogli capire quale sia la propria situazione di gioco.

In particolare nel gioco del poker, ne abbiamo 3 tipi di bluff:

  1. puro: fingere di avere alte combinazioni quando in realtà si ha poco o nulla. Obiettivo: far ritirare il prima possibile gli avversari vincendo così il piatto.
  2. passivo: viene anche definito ‘slow play’. Sai di avere la mano migliore ma segui il gruppo. Obiettivo: far crescere il piatto il più possibile facendo si che gli avversari continuino a puntare per poi riscuotere tutto alla fine;
  3. semibluff: il giocatore ritiene di avere possibilità di vincere anche se gli altri giocatori copriranno le sue puntate. La sua mano pur essendo debole può ancora migliorare fino a diventare la mano dominante. Un esempio, il ‘progetto di colore’: una mano che vale meno di una coppia, ma se viene migliorata diventa ‘colore’ e valere molto di più.

Se conoscete un po’ il gioco di carte per eccellenza da casinò, saprete che la vostra posizione rispetto al dealer è un elemento di grande importanza per la vostra strategia. Le posizioni ai lati sono ovviamente le migliori. I bluff infatti sono tentati dai giocatori vicino al dealer o quelli che parlano per ultimi. La spiegazione è molto semplice, vi permette di osservare prima il gioco degli avversari.

Il caso più classico è chiamato ‘squeeze’Questa tecnica consiste nel fare un grosso rilancio dopo che c’è già stato un raise e almeno un call. Il primo giocatore, nelle migliori delle ipotesi, si troverà a rinunciare poichè intrappolato tra due avversari, mentre il secondo e gli altri a seguire spesso non hanno una mano così forte da vedere un raise.

Un altro elemento importante che permette di formulare la strategia di gioco è studiare i propri avversari, imparare a riconoscere debolezze o punti di forza. È anche molto importante di non essere beccati mentre li studiate perché anche un semplice sguardo può insospettirli e farli cambiare la strategia di gioco.

“Una volta che hai capito il gioco dell’avversario, non devi farlo trasparire”.  The Rounders – Il giocatore

Un’altra strategia vincente è studiare “I tells” (segnali di corpo). Con il termine ‘tells’ si intendono quelle reazioni fisiche o movimenti spesso impercettibili e involontari che un giocatore ha e che ne rivelano lo stato d’animo e le possibili combinazioni di carte.

È per questo che molto spesso si trovano al tavolo player con felpa e cappuccio o occhiali da sole; gli occhi infatti sono il punto più debole soprattutto per i giocatori non professionisti.

Le mani, dopo gli occhi, sono la parte più rivelatrice del corpo di un giocatore. I movimenti che fanno, come le si tiene, se tremano sono tutti segnali che possiamo interpretare.

Un esempio: dopo un flop coordinato, il giocatore alza le carte per guardarle. Ciò è indicativo del fatto che il giocatore potrebbe avere un progetto e nella maggior parte dei casi ha alzato le carte per controllarle ed essere sicuro. Per questo si consiglia sempre di memorizzarle e non alzarle più.

Il tremolio delle mani invece potrebbe trarre in errore. Di solito quando vediamo una persona che trema potrebbe essere sintomo di paura e ansia. Nel gioco non è così. Il tremolio delle mani indica una giocata forte, quindi giocate solo se siete sicuri di poterla battere.

Nei siti poker online non siete altro che un’icona senza nome (vero) e senza volto (reale). Questo significa che i tells sono molto diversi da quelli normalmente riscontrabili al tavolo verde. Tutto ciò che vedono i vostri avversari è la vostra puntata. Non solo è meglio farsene una ragione e accettare che i giocatori online sono molto più loose e chiameranno con un range di mani molto più ampio, ma è anche necessario capire che non è possibile intimidire gli avversari come succede in una sala reale. Meglio bluffare durante i tornei di poker online, soprattutto quando i bui sono alti. Inoltre, a causa del valore delle chip ad alti livelli dei bui, il bluff funziona bene contro avversari deboli disposti a concedere i propri bui pur di non perdere ulteriori gettoni.

L’azione di mostrare le proprie carte dopo un bluff riuscito non è mai una buona idea.

Comportandovi in questo modo non offrirete solamente delle preziose informazioni sul vostro modo di giocare determinate carte, ma rischierete di complicarvi la partita da soli rendendo impossibile una buona lettura dei vostri avversari.

Il bluff fa parte del gioco ed è importante saper usar tutte le strategie per essere non tra i perdenti ma tra i migliori!

We use cookies on this website to improve the experience of our visitors. If you continue to use this site we'll assume that you are fine with it
Agree & Close